Giorno per giorno
aprile: 2020
L M M G V S D
« giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  
Meteo

1 giugno 2010

Sembrerebbe una buona giornata per riprendere il viaggio. Il cielo è grigio ma è una copertura chiara, spero che non peggiori.
La freeway è intasata dal traffico che scorre lento sulle 5 corsie. Seattle mi sfila sui due lati e lentamente esco verso nord, attraversando l’ultimo ponte.
Le case di periferia mi accompagnano ancora per alcune decine di chilometri e poi rimane solo la campagna. Il limite di velocità, per la prima volta da quando sono arrivato negli USA, è di 70 miglia/h.
Ho perso un paio d’ore per cercare un litro d’olio motore della gradazione che mi serve, da aggiungere all’attuale scorta. Meglio evitare di trovarsi in difficoltà nelle terre dove i centri abitati cominceranno a scarseggiare e saranno comunque di piccole dimensioni.

La distanza tra Seattle ed il confine è relativamente breve, sono solo 200 km. Li percorro rapidamente e alle 2 pm mi trovo in coda al confine. Dopo mezz’oretta sono davanti al doganiere canadese. Ma la frontiera USA? Io non l’ho vista. Poche formali domande: “Hai armi? Hai droga?” – “No e no!” – “Allora ok, puoi andare.”

Sono in Canada. Attraverso Vancouver che dista una cinquantina di kilometri ma il GPS non dispone della mappa e le due carte stradali non hanno abbastanza dettaglio. Un po’ giro, un po’ mi perdo, poi chiedo e sono fortunato. Imbocco quasi subito la strada giusta e pian piano mi allontano dalla cittò. Ho visto poco, ma quel che ho visto mi è piaciuto. É un’altra città sull’acqua, come Seattle. Ci sono porticcioli e barche ormeggiate ovunque. Il centro cittadino non ha un traffico convulso ed è molto pulito.

Riesco ad imboccare la highway 99 che mi trasporta rapidamente verso nord, costeggiando un braccio di mare che si insinua profondamente tra le montagne ancora bianche di neve. Gli scorci che riesco a cogliere sono di rara bellezza. Sembra un posto incantato. Boschi, neve e mare, tutto assieme. Procedo per altri 200 km dopo il confine e poi comincia ad imbrunire ed a fare freddo. Mi fermo per la notte in un hotel di un paesino di cui non ricordo nemmeno il nome. Il gestore è un indiano, di quelli con il turbante.

Il tempo mi ha dato una mano e la giornata è trascorsa senza una goccia di pioggia. Ora sono le 9 di sera e sto uscendo dal ristorante. Piove e sulle montagne che incombono sul paese le nubi sono basse. Non mi stupirei se lì stesse nevicando.


Download itinerario del 1 giugno 2010 >> (per visualizzare il tour è necessario Google Earth)


Tutti gli itinerari >>


2 Commenti a “1 giugno 2010”

  • vinicio pozza:

    E bravo Ugo! ho saputo solo ieri di questa vostra( ora solo tua ) bellissima avventura.Ti ho lasciato grande “capo cantiere” e ti ritrovo splendido avventuriero in cerca di esperienze ed emozioni a cavallo del tuo destriero meccanico.Non di meno, eccellente narratore di ogni aspetto del viaggio.Bravo anche a Nini che sicuramente rimpiangerà di non essere ancora al tuo fianco.Continuerò a seguirti con un po’ di sana invidia.Ciao.Vinicio Pozza

  • Rudy:

    Caro Zio,
    rendesi conto che “non trovo il tempo” x leggere ogni giorno i meravigliosi e puntuali racconti che invece tu “trovi il tempo” di scriverci è ….veramente un brutto realizzare!!! Cmq …inutile cercare il confrono con te …..battaglia già persa in partenza ….ma la guerra (in senso + che buono) è ancora lunga!!!! Per cui …onori al vincitore di oggi …e dei prox ….15/20 anni ….. e poi ne riparleremo !!! Ah, ah, ah!! Buon proseguimento nostro caro!!!!!

Lascia un Commento